Komadera: nuove scoperte archeologiche

Il 20 di questo mese è stato scoperto nei pressi di Kyōto, nella cittadina di Kizugawa, quello che, con ogni probabilità, sarebbe il più antico esempio di cinta muraria templare in muratura in Giappone. I resti, in condizioni piuttosto cattive, tanto da apparire, almeno sulla scorta delle immagini disponibili, poco più di un ammasso di tegole, appartenevano a un antico tempio ora scomparso, il Komadera (高麗寺).
 
I resti risalirebbero alla parte finale del periodo Asuka, i.e. fine del settimo secolo, rappresentando pertanto la cinta muraria di questo tipo più antica del Giappone, oltre che un’eccezionale scoperta archeologica e architettonica: finora si riteneva infatti che le prime recinzioni di questo tipo avessero visto la luce nella successiva epoca di Nara, periodo in cui il buddhismo vide il suo definitivo prevalere nell’arcipelago, in virtù di un appoggio senza precedenti da parte della famiglia imperiale.
 
Effettivamente però, come indicato anche dal nome del tempio (Koma 高麗 è una forma abbreviata di Kōkuri 高句麗, ossia Koguryŏ, uno dei Tre Regni in cui era divisa la penisola coreana in antichità) è ben chiara l’origine continentale del complesso, in origine ujidera di un’importante famiglia originaria, appunto, di Koguryŏ: è quindi a mio parere quanto meno lecito supporre che la costruzione avesse seguito gli standard già da tempo diffusi in quel regno, dove l’architettura templare era conosciuta, e sviluppata, da almeno due secoli: Koguryŏ era stato il primo dei tre regni a riconoscere ufficialmente il buddhismo nel quarto secolo e ad adottarlo: più precisamente, stando al Samguk Sagi, dopo una serie di contatti all’inizio del 4° secolo la nuova fede era stata ufficialmente riconosciuta nel 372, e già nel 385 vennero edificati i primi templi, il Sŏngmunsa ed l’Ibullansa, seguiti appena otto anni dopo dai nove monasteri di P’yŏngyang (capitale del regno).
 
L’ennesima dimostrazione di quanto i primi secoli di esistenza del buddhismo in Giappone furono profondamente debitori ai Tre Regni coreani.
 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: