Archivio per la lingua inglese e i coreani

…che per fortuna le parole non si mangiano, ossia Il ritorno dei cartelli: Frammenti di Genio 3

Posted in Asia Orientale, corea, Delizie coreane, Pubblica utilità with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 11 luglio 2015 by patatromb

Nel remoto 2012 ebbi modo di pubblicare ben due popolarissimi!!!!! interventi dedicati alla straordinaria capacità dei coreani di realizzare cartelli che non dovrebbero esistere. Che poi a dirla tutta fino a cinque minuti fa, quando ho controllato le foto ivi pubblicate, ero convinto che fosse passato molto meno tempo, e questo basti a rendere l’idea di quanto mi sia curato di questo blog negli ultimi due/tre anni.
MA! In realtà ho sempre continuato a pensare a Interventi da Seoul, che è tipo mio figlio, anche se io non ho figli e quindi non ho idea di come ci si senta ad averne, ma insomma in questi tre lunghi anni la mia macchinetta fotografica e il mio cellulare hanno continuato a scattare senza sosta foto da presentare a voi, il mio amatissimo e selezionatissimo pubblico (mia mamma, mia sorella e quei due disgraziati che ogni anno finisco qui per qualche sciagurata decisione degli algoritmi di Google); e oggi, finalmente, è arrivato il momento di tornare a pubblicarle!

(. )( .)

Una delle catene di fast-food che preferisco, pur non mangiandoci mai, è senz’altro New York Hot Dog, a garanzia della cui qualità non posso non presentare il seguente scritto, che decorava una vetrina del negozio vicino all’ingresso dell’università Sŏnggyun’gwan di Seoul (negozio che potrebbe non esistere più). Segue traduzione così anche la mamma può apprezzare.

“New York hotdog la salute
degli uomini di oggi che sono
fatti di manzo 100% e apprendono/arrestano
una piccola caloria è garantita
senza che faccia e costruisca
usando un termine di vapore individuale
carnosità della caratteristica è anche più soffice”

Bontà!

The Best Hot Dog in Korea?

Se dopo la scorpacciata a base dell’ottima, sofficissima carne di manzo umana del New York Hot dog doveste avere ancora un po’ di fame, vi suggerisco uno spuntino alla mensa del dormitorio dell’Università di Seoul, quella gestita da Our Home, azienda coreana leader nel campo del servizio ristorazione, nota per lo straordinario rapporto prezzo–qualità (ingiustificatamente alto il primo, pessima la seconda). Se sarete fortunati, potreste trovare della prelibata razza, razza farfalla (in coreano, “zuppa di pesce piccante”).

짬뽕 맛있다~~~~~

Menu Happy Zone! da Our Home si mangia davvero come a casa!

E dopo esserci riempiti la pancia fino a scoppiare, è ora di una buona bevanda per digerire a dovere. Se non sapete dove andare, lasciate che vi consigli un paio di posticini come Dio comanda:

culcom1

Café CulCom, sempre aperto!

Caffé CULatte, un nome una garanzia

Caffé CULatte, un nome una garanzia

Riguardo al menù, beh, ho sicuramente il consiglio giusto per voi: un drink non complicato, tipo ad esempio una buona tazza di brownie o un bel boccale di aceto, e digestione e allegria perenne saranno garantite!

Drink buoni, freschi e non complicati: Caffé, bevanda, torta, brownie, aceto. OK

Drink buoni, freschi e non complicati: Caffé, bevanda, torta, brownie, aceto. OK

Amsa-dong: reperti archeologici e casette ricostruite

Posted in Arte, Asia Orientale, corea, Gite, Pubblica utilità with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 23 giugno 2013 by patatromb

Il 16 giugno 2013 sono andato al parco archeologico di Amsa-dong (tong) a Seoul, che è dove ci sono i resti di vari accampamenti del periodo neolitico, e ho girato un pregevole filmino che vado ora a sottoporvi.

Prima, però, una piccola introduzione, così capite di cosa stiamo parlando.

Il parco si trova, chi l’avrebbe mai detto, nel quartiere di Amsa-dong, sul confine orientale della città a due passi dalla riva meridionale del fiume Han, e sorge lì ove una volta tanti, tanti anni fa i coreani della preistoria vivevano felicemente nelle loro rudimentali casette di legno e paglia. Il sito venne fortuitamente scoperto nel 1925, quando un acquazzone di quelli che ci sono da queste parti[1] portò via tanta di quella terra da riportare in superficie diversi antichi strati di terreno (risalenti a un periodo che va dal 4400 al 1500 a.C. circa) con dei grossi buchi tondi in mezzo, del diametro di circa 5/6 metri l’uno. Detti buchi (finora ne sono stati scoperti una trentina) sono in realtà le fosse che fungevano da “base” delle abitazioni delle popolazioni neolitiche locali e, comprensibilmente, numerosi manufatti (in particolare vasellame e strumenti in pietra) sono stati ritrovati un po’ ovunque nell’area.

Il parco, a cui si può accedere previo pagamento di biglietto d’ingresso di 500 won, è dotato di diverse attrazioni, tra le quali le più importanti sono un gruppo di nove abitazioni neolitiche ricostruite nella loro forma “originale” così come ipotizzata degli studiosi e la sala esposizioni, divisa in due ali separate, in cui sono troviamo numerosi reperti disseppelliti in loco, alcuni simpaticissimi diorami, una serie di quei già citati “buchi” e tanti, tanti marmocchi fracassoni.

Ma ora bando alle ciance e vediamo un po’ ‘sto filmino!

 

Nel filmato si vedono, nell’ordine, l’ingresso del parco coi vecchi coreani che ascoltano musica per vecchi coreani, la strada che porta alle ricostruzioni delle abitazioni neolitiche, le ricostruzioni delle abitazioni neolitiche, l’interno di una delle ricostruzioni delle abitazioni neolitiche con tanto di ricostruzione di un’allegra famigliola neolitica, un’allegra famigliola contemporanea che mi viene incontro, l’ala A della sala esposizioni, i bambini rumorosi al suo interno e, per finire, un ultimo scorcio dell'”area sperimentale”, dove in teoria i bimbi possono provare a vivere come i primitivi ma in realtà c’erano solo altre ricostruzioni di abitazioni neolitiche, qualche manichino variopinto e tanto, tanto caldo.

Oltre a girare il filmino, ho anche scattato delle fotografie, diamo un’occhiata veloce pure a quelle così poi possiamo tornare a fare qualcosa di utile.

La fermata della metro Amsa, dove dovete scendere per visitare il parco. Se vi piacciono gli hamburger, potete mangiare al Burger King lì davanti, ma non è necessario

La fermata della metro Amsa, dove dovete scendere per visitare il parco. Se vi piacciono gli hamburger, potete mangiare al Burger King lì davanti, ma non è obbligatorio.

I classici palazzoni coreani lungo la strada verso il parco

I classici palazzoni coreani lungo la strada verso il parco

La biglietteria! In realtà nessuno controlla i biglietti all'ingresso, quindi se siete dei balordi senza vergogna potreste provare a entrare senza pagare.

La biglietteria! In realtà nessuno controlla i biglietti all’ingresso, quindi se siete dei balordi senza vergogna potreste provare a entrare senza pagare.

Casette, le stesse che avete già visto nel filmino.

Casette, le stesse che avete già visto nel filmino.

In Corea hanno la mania dei timbrini turistici e, prevedibilmente, ci sono anche qua.

In Corea hanno la mania dei timbrini turistici e, prevedibilmente, ci sono anche qua.

Dentro alla sala esposizioni, ala A

Dentro alla sala esposizioni, ala A

Cosi per fare il fuoco

Cosi per fare il fuoco

Cosi per pescare i pesci (balene, a giudicare dalle dimensioni)

Cosi per pescare i pesci (balene, a giudicare dalle dimensioni)

Cosi per infilarci dentro la roba

Cosi per infilarci dentro la roba

Per capire come si seppellivano i morti all'epoca.

Per capire come si seppellivano i morti all’epoca.

Per far vedere come coltivavano la terra (notate lo scansafatiche stravaccato per terra)

Per far vedere come coltivavano la terra (notate lo scansafatiche stravaccato per terra)

Per far capire come pescavano

Per far capire come pescavano

Immagini in 3D dall'incredibile realismo.

Immagini in 3D dall’incredibile realismo. Si notino in particolare le pose plastiche dei primitivi cacciatori e dei cervi qui ritratti.

Io e un signore coreano addormentato in una posa particolarmente virile.

Io e un signore coreano addormentato in una posa particolarmente virile.

Un simpatico cinghiale impalato. Non preoccupatevi, è solo un modellino!

Un simpatico cinghiale impalato. Non preoccupatevi, è solo un modellino!

Una rivelazione incredibile! Nella Corea del Neolitico gli pterodattili non erano ancora estinti!

Una rivelazione incredibile! Nella Corea del Neolitico gli pterodattili non erano ancora estinti!

——

Se mai voleste passare da queste parti, pigliate la metropolitana e scendete alla fermata Amsa-dong della linea 8[2] e da lì o vi fate una passeggiatona di venti minuti partendo dall’uscita quattro (sempre dritti!) oppure se siete furbi prendete il tassì o il bus (il numero 02) giusto davanti all’uscita 1, così arrivate a destinazione belli freschi che quando come domenica scorsa a Seoul fa caldo camminare per più di cinque minuti non è cosa, a meno che non amiate le ascelle pezzate.

***


[1]In realtà si è trattato di una serie di alluvioni susseguitesi tra il luglio e il settembre del 1925, note con il nome collettivo di Grande alluvione dell’anno Ŭlch’uk (乙丑年大洪水).

[2]Tecnicamente non è una fermata, bensì il capolinea, ma questi sono solo dettagli insignificanti.

Massimo rispetto per gli interpreti e Gli auguri per un anno leguminoso

Posted in Notizie dall'Italia, Pubblica utilità with tags , , , , , , , , , , on 1 gennaio 2012 by patatromb

Come da titolo, massimo rispetto per tutti gli interpreti simultanei, persino per quelli che traducono le conferenze stampa della Formula Uno per la RAI!

Dal canto mio, ho capito sulla mia pelle che ospitare in casa dei genitori persone che parlano solo lingue che la mamma e il papà non conoscono è un errore che si paga molto, molto caro. Ciononostante in un modo o nell’altro sono riuscito ad arrivare in vita fino alla fine del 2011 e questo mi permette, in attesa di una prossima settimana in cui, verosimilmente, avrò un po’ più di tempo da dedicare a questo blog, di rivolgere a tutti i miei lettori gli auguri per un 2012 ricco di saporiti legumi, come quello che sogno io!

***

Vi lascio con il quizzone di fine anno: decifrare questo misteriosissimo messaggio in inglese comparso nel sito del dormitorio della Seoul National University! Ricchi premi per chi risolverà il mistero del suo significato!

Il brillante inglese del sito del dormitorio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: